Terracina, sfida da OK Corral per le elezioni. Di Leo va in quota FdI

Parte l’estate e comincia anche la campagna elettorale. Fratelli d’Italia ufficializza Davide Di Leo a supporto del candidato a sindaco Roberta Tintari ma quello che fa discutere è la foto scelta per il comunicato stampa.

Se le immagini sono l’anima di una storia allora a Terracina per le prossime elezioni a sindaco prepariamoci a sfide da Far West. Non che in precedenza le tornate elettorali sotto il Pisco Montano non abbiano regalato anche a osservatori esterni spunti per confezionare romanzi, ma stavolta crediamo che la corsa a sindaco sia da gustare sin dall’antipasto. Basti guardare, infatti, la foto che corredava il comunicato stampa in cui si annunciava l’ingresso in Fratelli d’Italia del consigliere Davide Di Leo.
Oggi, sindaco della città è Roberta Tintari, ma è una facente funzioni, perché il primo cittadino è volato a Bruxelles nell’estate scorsa, dato che Nicola Procaccini, figlio d’arte (Maria Burani è stata parlamentare per quattro mandati con Forza Italia), dopo due mandati da sindaco con la tessera di Fratelli d’Italia è diventato eurodeputato. E l’amministrazione Procaccini ha dimostrato ai terracinesi che la tenacia e la lunga strategia ha dato i suoi frutti maturi, disorientando anche i suoi avversari. Già, gli avversari. I nemici di Procaccini infatti sono anche quegli alleati di centrodestra che oggi e domani sono pronti a dargli battaglia. Ma un eurodeputato deve scendere in campo prima degli sfidanti, deve tentare le fughe in avanti, deve creare diversivi tali da annichilire gli altri ipotetici candidati, così ecco che Fratelli d’Italia mette in prima linea un cavallo di razza, cioè il consigliere comunale uscente Davide Di Leo.
Così Di Leo, nel corso di un incontro con il direttivo locale del partito di Giorgia Meloni, alla presenza dell’ex assessore Fabio Minutillo, coordinatore della campagna elettorale di FDI, degli assessori Pierpaolo Marcuzzi e Zomparelli, e dell’europarlamentare Nicola Procaccini, ha sciolto ogni riserva ufficializzando il passaggio al partito di Giorgia Meloni. Graduato dell’Aeronautica Militare, 44 anni appena compiuti, recordman di preferenze (458) nella ex lista Corradini alle elezioni 2016, Davide Di Leo confluisce in Fratelli d’Italia, ripercorrendo lo stesso cammino del Movimento per la Sovranità Nazionale di cui era diventato referente provinciale. D’altra parte, Di Leo, fin dai suoi inizi in Alleanza Nazionale, ha sempre inteso svolgere il suo impegno politico sul lato destro del campo cittadino e nazionale. Un’esperienza già lungamente maturata in politica, che negli ultimi anni si è arricchita della presidenza della commissione consiliare Ambiente, oltre che della complessa delega alla organizzazione del personale comunale, affidatagli dall’ex sindaco Procaccini.
“Un ingresso importante, quello di Davide, che evidenzia la crescita che FdI ha sia a livello nazionale che locale” ha dichiarato Luca Caringi coordinatore cittadino.
Nel corso della riunione è intervenuto anche l’assessore Pierpaolo Marcuzzi, che nel partito della Meloni ricopre l’incarico di coordinatore nel centro-sud pontino, lasciando intendere che sarà duro scontro anche a Fondi, l’altro comune interessato al rinnovo del consiglio comunale: “Nelle due principali città al voto tra poche settimane presenteremo liste composte da persone serie e nello stesso tempo entusiaste di dare una mano. Donne e uomini, esattamente come Davide, che sanno coniugare il saper stare tra la gente con lo studio degli atti amministrativi”. L’europarlamentare Procaccini benedice così l’ingresso ufficiale di Di Leo in Fratelli d’Italia: “Ne abbiamo parlato a lungo e sono davvero contento che finalmente il passo sia stato compiuto. Conosco Davide da tanti anni e so bene quanto sarà prezioso ed appassionato il suo contributo al nostro movimento politico e alla città di Terracina”.
“Non potevo non rispondere all’appello di chi sta riuscendo a ricomporre la dolorosa frammentazione della destra italiana. Giorgia Meloni sta facendo persino di più: sta riuscendo ad allargare il progetto politico di FDI, senza rinunciare alla coerenza di un percorso antico che ci è caro -ha precisato Di Leo-. Non vedo l’ora di battermi per la candidatura a sindaco di Roberta Tintari, in cui intravedo la stessa fermezza ideale di Giorgia, accompagnata da una innata disponibilità nei confronti dei più deboli”. Quindi, ecco anche l’investitura a sindaco di Roberta Tintari, che fino a mercoledì sera negava un suo coinvolgimento diretto pr ricoprire la carica di primo cittadino. Del resto, è una sfida da OK Corral, Procaccini e il suo direttivo hanno anticipato chiunque nelle loro mosse: candideranno una donna a sindaco, fermamente convinti di riuscire a tagliare il traguardo.
Ora restiamo in attesa delle contromosse della Lega, rappresentata a Terracina dal senatore Francesco Zicchieri, e del Partito Democratico.

Articoli correlati

Lascia un commento