Alle urne 1.179 Comuni, tra cui i rinnovi di Aosta, Trento e Venezia

Saranno chamati al voto del 20 e 21 settembre ben 1.179 Comuni d’Italia, presi e attenti soprattutto rispetto alle norme anti-Covid19.

Il voto per le amministrative chiamerà alle urne i cittadini in 3 capoluoghi di regione (Aosta, Trento e Venezia) e 15 di provincia (Mantova, Lecco, Bolzano, Arezzo, Macerata, Fermo, Chieti, Andria, Trani, Matera, Crotone, Reggio di Calabria, Agrigento, Enna e Nuoro).

Saranno in tutto 6.849.493 gli elettori in 1.179 comuni, questi ultimi suddivisi in 155 superiori, ovvero con più di 15.000 abitanti (in provincia di Trento quelli con più di 3.000 abitanti), e 1.024 inferiori.

Nelle regioni a statuto ordinario, il 20 e 21 settembre, si voterà in 609 comuni (di cui 50 sciolti dopo il 24 febbraio). Si recheranno alle urne 4.685.706 elettori.

Sono tre, invece, le date fissate per l’appuntamento elettorale nei comuni (in tutto 570) delle regioni a statuto speciale:

il 20 e 21 settembre si voterà in Valle D’Aosta, Trentino-Alto Adige, Friuli Venezia Giulia;
il 4 e 5 ottobre in Sicilia;
il 25 e 26 ottobre in Sardegna.
Qui, saranno 2.163.787 gli elettori chiamati alle urne. Si voterà in 570 comuni suddivisi in: 59 “superiori”, 511 “inferiori”.

E’ la fotografia scattata da Eligendo e pubblicata sul sito 18 giorni prima dell’appuntamento alle urne. Una sintesi sul numero dei comuni interessati al voto e corpo elettorale.

Articoli correlati

Lascia un commento