Latina, i borghi accendono il Natale con l’albero

L’associazione Minerva e la Consulta dei borghi, con il patrocinio del Comune di Latina e di Confcommercio Lazio sud, presentano “Accendiamo il Natale del Borgo”.

“Il vero messaggio del Natale, quest’anno più che mai, è che tutti noi non siamo soli”. Con questo spirito che è stato pensato il progetto ‘Accendiamo il Natale del Borgo’ che, con l’Albero di Natale dei borghi, è stato ideato e organizzato dall’associazione Minerva in collaborazione con la Consulta dei borghi e con il patrocinio del Comune di Latina e di Confcommercio Lazio Sud.

I 12 i borghi, che costituiscono la Consulta, hanno subito aderito all’iniziativa: Borgo Bainsizza, Borgo Carso, Borgo Faiti, Borgo Grappa, Borgo Isonzo, Borgo Montello, Borgo Piave, Borgo Podgora, Borgo Sabotino, Borgo San Michele, Borgo Santa Maria e Latina Scalo.

Nelle scorse settimane, l’associazione Minerva ha donato un abete ad ogni borgo del comune di Latina; gli alberi sono stati presi in consegna dai referenti della Consulta dei borghi che poi hanno organizzato un comitato per allestire l’albero di Natale.
Il più bello verrà premiato con una pianta autoctona messa a disposizione dal Reparto di Biodiversità di Sabaudia del Parco Nazionale del Circeo.
Il contest rientra nelle numerose iniziative promosse da Confcommercio Lazio Sud nell’ambito della campagna #compro sotto casa, perché mi sento a casa che prevede iniziative a sostegno delle imprese e dei commercianti dislocati su tutto il territorio comunale e, in questo caso, su quello dei borghi.

“Dopo il Palio dei borghi – spiega Annalisa Muzio, presidente dell’associazione Minerva e ideatrice dell’evento – abbiamo pensato ad un’altra iniziativa che potesse riportare al centro del dibattito cittadino i borghi della nostra città. Un filo conduttore che creeremo anche grazie a piccoli tour, che prenderanno il via durante le festività natalizie in ogni borgo, alla scoperta degli alberi di natale addobbati dai vari comitati. Appuntamenti nei quali tutti potranno visitare le bellezze dei nostri borghi e durante i quali verranno coinvolte le attività commerciali locali, di qui la collaborazione intrapresa con Confcommercio. Un’altra tradizione che intendiamo promuovere per favorire la riscoperta delle nostre radici e della nostra identità cittadina. Anche questo – aggiunge Annalisa Muzio – è un modo di fare rete in questo particolate Natale che ci impone di stare distanti ma che, invece, deve farci capire ancora di più quanto sia importante sentirci comunità. Ringrazio la Consulta dei borghi, in particolare Donatella De Persis, per aver fornito gli alberi e tutti i referenti territoriali con i quali continueremo a lavorare per dare vita a nuovi progetti soprattutto in vista della prossima primavera quando ripeteremo l’esperienza delle visite guidate, che hanno avuto una grande partecipazione. Non mi stancherò mai di dire – conclude Annalisa Muzio – che i borghi necessitano di una costante e stabile rappresentatività anche all’interno delle istituzioni: la Consulta intende restituire loro il ruolo fondamentale che hanno avuto sin dalla fondazione, ciò anche per tramandare ai giovani le tradizioni di chi ha contribuito a fare grande Latina. Un ringraziamento doveroso, infine, va al Reparto di Biodeversità del Parco Nazionale del Circeo di Sabaudia che donerà una pianta autoctona al borgo che realizzerà l’albero più bello. Ringrazio il Comune di Latina per averci concesso il patrocinio e Confcommercio Lazio Sud, con il suo presidente Giovanni Acampora, che da subito ha manifestato entusiasmo per il progetto e con il quale stiamo mettendo in campo tante iniziative per fornire sostegno alle imprese e agli esercizi commerciali del nostro territorio.”

Articoli correlati

Lascia un commento