Libri in Gioco, il calcio femminile promuove la lettura

Lo sport in prima linea per tutelare la cultura e i libri, con le calciatrici della serie A che scendono in campo allenate dalla scrittrice Chiara Gamberale.

Diffondere la lettura grazie alle testimonianze delle calciatrici. È questo l’obiettivo di ‘Libri in Gioco’, l’iniziativa promossa dalla Divisione Calcio Femminile della FIGC in collaborazione con il Centro per il libro e la lettura (istituto autonomo del MiBACT, il Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo) e il Salone Internazionale del Libro di Torino, che dal 14 maggio ha cominciato a promuovere la lodevole iniziativa per aumentare il numero di lettori.

Grazie allo sviluppo del movimento e alla crescente attenzione da parte dei media, la Divisione prosegue il suo programma di responsabilità sociale adattandolo all’emergenza. Tra i valori espressi dal calcio femminile spicca la cultura, ed è per questo che la prima attività del 2020 è dedicata alla promozione della lettura. Molte calciatrici amano leggere e raccontare questa passione sui social. Il loro è un messaggio importante perché hanno grande visibilità e parlano a un pubblico trasversale, ma con forte partecipazione giovanile. Da qui nasce l’idea di consolidarne il ruolo di testimonial e di esempi, anche fuori dal rettangolo di gioco.

Grazie a ‘Libri in Gioco’, progetto sostenuto dal Centro per il libro e la lettura tramite la campagna nazionale ‘Il Maggio dei libri’, e dal Salone Internazionale del Libro di Torino, l’edizione straordinaria in formato digitale, la Divisione sarà rappresentata da 12 ragazze, una per ogni club di Serie A. I mini spot hanno fatto scoprire il loro rapporto con la lettura: cosa amano leggere, qual è il loro autore preferito e se c’è un libro che ha ispirato un gol, un gesto tecnico o che comunque abbia influito sulla loro vita da atlete.

La scrittrice Chiara Gamberale ha lanciato l’iniziativa nell’insolita veste di allenatrice di questa speciale formazione della cultura, prima di passare la palla a Mariagrazia Balbi (Pink Bari), Regina Baresi (Inter), Claudia Ciccotti (AS Roma), Norma Cinotti (Empoli Ladies), Emma Errico (Sassuolo), Sara Mella (Hellas Verona), Stephanie Öhrström (Fiorentina), Valentina Puglisi (Tavagnacco), Cecilia Salvai (Juventus), Deborah Salvatori Rinaldi (Milan), Alessia Salvi (Orobica Bergamo) e Katja Schroffenegger (Florentia San Gimignano).

“Ringrazio il Centro per il libro e la lettura, il Salone Internazionale del Libro di Torino e le 12 testimonial per il loro coinvolgimento – ha dichiarato il Presidente della Divisione Calcio Femminile Ludovica Mantovani – favorire la crescita culturale delle nostre giovani atlete deve rimanere una nostra priorità”.

Articoli correlati

Lascia un commento